Campanula minore

Nome scientifico: Campanula erinus L. (Sinonimi: Campanula nanella P. A. Smim. – Campanula parviflora St-Lag. – Campanula portensis L. – Erinia campanula Noulet – Roucela erinus (L.) Dumort – Wahlenbergia erinus (L.) Link)

Famiglia: Campanulaceae

Habitat naturale: Muri, marciapiedi, uliveti, affioramenti rocciosi, margini di sentieri, praterie rase, pascoli aridi da 0 a 800 metri. Presente in Italia in tutte le regioni tranne in Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. Al nord risulta nel complesso molto rara mentre diviene progressivamente più frequente spostandosi verso sud.

Periodo di fioritura: Da marzo a giugno

Descrizione della pianta: Pianta erbacea annua ispida alta da 5 a 30 cm con breve radice verticale. Il fusto è ascendente o eretto, semplice o con ramificazioni più o meno dicotome. Le foglie basali, lunghe 3 – 4 cm e larghe circa 1 cm, presentano lamina oblanceolato-spatolata attenuata nel picciolo e in genere scompaiono all’antesi. Le foglie cauline, lunghe circa 1 cm, sono opposte, alterne, con lamina obovata in genere con 2 – 3 denti per lato o più raramente con bordo intero oppure lobato. L’infiorescenza è formata da fiori subsessili oppure sostenuti da peduncoli di 2 – 5 mm. Il calice è irsuto con 5 denti oblungo-triangolari. Il fiore, lungo 3 – 6 mm, presenta corolla cilindrico-campanulata pelosa almeno alla base e al margine con 5 lobi di colore azzurro pallido. Sono presenti 5 stami liberi mentre lo stimma è trilobato.

Note: Il nome della specie (“erinus”) deriva dal greco “erinos” ovvero “riccio” o “porcospino” per i suoi numerosi peli irsuti. La riproduzione è entomogama (ad opera di insetti).

Dove l’abbiamo osservata: Le fotografie sono state realizzate presso Verezzi (m 200 – Alpi Liguri).

Clicca qui per vedere altri Fiori blu 

Cookie