Cinquefoglia di Crantz

Nome scientifico: Potentilla crantzii (Crantz) Beck ex Fritsch (Sinonimi: Fragaria crantzii Crantz – Potentilla adscendens Lapeyr. – Potentilla aurea L. var. salisburgensis (Haenke) Ser. – Potentilla baldensis A.Kern ex Zimmeter - Potentilla bitynica Hornem – Potentilla clusiana Hegetschw. – Potentilla crocea Haller fil. In Schleicher – Potentilla eynensis Rouy – Potentilla filiformis Vill. – Potentilla gelida Th. Wolf – Potentilla heterophylla Lapeyr – Potentilla incisa Desf. – Potentilla jurana Reuter – Potentilla maculata Pourret – Potentilla opaca L. – Potentilla praeruptorum F. W. Schultz – Potentilla rotundifolia Vill. – Potentilla rubens Vill. – Potentilla sabauda DC. In Lam & DC. – Potentilla saxatilis Boulay – Potentilla stipulacea Timb – Lagr. – Potentilla stipularis Lapeyr – Potentilla stricticaulis Gremli – Potentilla villosa (Crantz) Zimmeter non Pall, ex Pursch - Potentilla latestipula Br. - Bl. - Potentilla rigoana Wolf – Potentilla salisburgensis Haenke – Potentilla alpestris Haller)

Famiglia: Rosaceae

Altri nomi comuni: Potentilla villosa – Potentilla di Crantz

Habitat naturale: Prati e pascoli alpini aridi, rupi, pendii rocciosi preferibilmente su substrato calcareo da 1000 a 2700 metri. In Italia è presente in tutte le regioni tranne in Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Periodo di fioritura: Da maggio a settembre

Descrizione della pianta: Pianta erbacea perenne artico-alpina alta 5 – 20 cm con radice legnosa ramificata e peli patenti. Le foglie basali sono sostenute da piccioli lunghi 1 – 4 cm con stipole brune alla base lunghe 8 mm circa e larghe 3 mm di forma ovale-lanceolata; sono lunghe 8 – 18 mm e larghe 6 – 12 mm, e appaiono divise in 5 – 7 segmenti di forma obovato-cuneata. Presentano nella metà superiore 5 – 7 denti di uguale dimensione. Il bordo della lamina e le nervature sono villose. Le foglie cauline sono più piccole e divise in 3 – 5 segmenti. I fiori, con diametro di 15 – 22 mm, sono raccolti in cime con 2 – 7 elementi e presentano petali bilobati lunghi 8 – 10 mm di forma obovato-cuoriforme e di colore compreso tra il giallo intenso e l’arancio. Il calice presenta 5 doppi sepali sottili e acuti lunghi 4 mm e larghi 2 mm.

Note: Il nome della specie ricorda H.J.N. von Crantz (1722 – 1799), professore viennese che studiò la flora alpina. Potentilla crantzii è specie omogama (autoimpollinazione). Presenta inoltre proprietà farmaceutiche; nella pianta sono infatti rilevabili tannini, amido, gomma, resine e vari acidi. Ad essere utilizzata è particolarmente la radice grazie all’effetto astringente, antidiarroico, antiemorragico e antinfiammatorio. E’ possibile anche l’uso esterno grazie ad eventuali decotti e collutori.

Il genere Potentilla è assai polimorfo e complesso con la frequente presenza di fenomeni ibridogeni; esistono numerose varietà e sottospecie. E’ inoltre possibile la confusione con alcune congeneri:

1)     Potentilla aurea L. che si distingue per la fitta pelosità sericea appressata su fusti, nervi e bordi delle foglie che appaiono divise in 5 segmenti lanceolati stretti a bordi subparalleli.

2)     Potentilla tabaernaemontani Asch. (talvolta indicata come Potentilla verna L.) che si distingue per i fusti legnosi striscianti e tappezzanti con rosette alla cui base sono inseriti rami fioriferi prostrato-ascendenti.

Dove l’abbiamo osservata: Le fotografie sono state realizzate lungo le pendici meridionali del Pizzo Cefalone (m 2300 – Appennino Abruzzese – Gran Sasso d‘Italia).

Clicca qui per vedere altri Fiori gialli

Cookie