Iberide nana

Nome scientifico: Iberis aurosica subsp. nana (Sinonimi: Iberis nana All. - Iberis spathulata Bergeret)

Famiglia: Brassicaceae

Altro nome comune: Iberide spatolata

Habitat naturale: Rupi e pietraie su substrato calcareo da 1800 a 2600 metri. Raro endemismo delle Alpi Liguri con poche stazioni concentrate per lo più nella zona del Marguareis. L’unica regione interessata dalla sua presenza è il Piemonte (provincia di Cuneo). La vecchia segnalazione per il Monte Gazzo presso Genova riportata nella Flora d’Italia del Pignatti è con tutta probabilità erronea per possibile confusione con esemplari poco sviluppati di Iberis umbellata, non rari sulle ofioliti di quella zona. Altre segnalazioni provenienti da Spagna e Grecia sono, anche in questo caso, riconducibili ad errori e a conseguente confusione con altre specie affini.

Periodo di fioritura: Da giugno ad agosto

Descrizione della pianta: Pianta erbacea perenne alta 5 – 10 cm glabra o poco pubescente. I fusti sono legnosi, prostrati o appena ascendenti, ramificati alla base, dapprima brevi alla fioritura quindi allungati con fusti fioriferi che partono dal centro delle rosette. Le foglie inferiori presentano lamina oblanceolato-spatolata che diviene più allungata durante la crescita mentre le cauline sono lineari-spatolate. Tutte le foglie sono minutamente dentellate lungo il bordo. I fiori sono raccolti in un breve racemo ombrelliforme e sono tetrameri, zigomorfi con petali rivolti all’esterno dell’ombrella nettamente più lunghi degli interni. I petali, con lunghezza massima di 8 – 9 mm, sono di colore compreso tra il bianco, il rosato e il violetto. I sepali sono lunghi circa 2 mm.

Note: E’ specie protetta con legge provinciale dalla provincia di Cuneo. Purtroppo, nonostante la grande rarità legata all’areale estremamente limitato, non vi è alcuna protezione a livello nazionale ed europeo. Il nome del genere è riferito alla penisola iberica mentre il nome specifico significa “dell’Auroze”, un monte nelle Hautes-Alpes francesi. Da notare che la specie Iberis aurosica Chaix include due sottospecie, la nominale e la sottospecie nana (All.) Moreno; quest’ultima è la sola sottospecie segnalata in Italia. E’ pianta utilizzata nei giardini rocciosi.

Dove l’abbiamo osservata: Le fotografie sono state realizzate a oriente del Col di Tenda nei dintorni della Cima del Becco (m 2200 – Alpi Liguri). Per motivi di conservazione preferiamo non dare ulteriori ragguagli sulla posizione delle piante.

Clicca qui per vedere altri Fiori bianchi e verdi

Cookie