Paradisia

Nome scientifico: Paradisea liliastrum (L.) Bertoloni (Sinonimi: Lialiastrum album Link - Hemerocallis liliastrum L.- Paradisia liliastrum Coste Fournier)

Famiglia: Liliaceae

Altri nomi comuni: Giglio di monte – Giglio di S. Bruno

Habitat naturale: Prati e pascoli subalpini in ambienti soleggiati su terreni calcarei neutri – subacidi da 800 a 2500 metri. In Italia è presente con maggiore frequenza sulle Alpi Centrali e Orientali dalle Grigne e Lepontine sino alle Alpi Giulie; come pianta molto rara interessa le Alpi Cozie, le Alpi Marittime, l’Appennino Settentrionale e Centrale. Nell’insieme le regioni in cui è presente sono Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Abruzzo e Molise.

Periodo di fioritura: Da maggio a luglio

Descrizione della pianta: Pianta erbacea perenne bulbosa alta 30 – 60 cm con fusto eretto cilindrico e liscio. Le foglie sono tutte basali, lineari e scanalate, lunghe tra 15 e 40 cm e larghe 2 – 9 mm. I fiori sono raccolti in grappoli unilaterali con 2 – 5 fiori (eccezionalmente fino a 10) sostenuti da peduncoli di circa 2 cm posti all’ascella di una brattea triangolare più lunga dei peduncoli. La corolla, a forma di imbuto, è di colore bianco puro con 6 tepali oblunghi-lanceolati saldati alla base, lunghi 3 – 5 cm. Sono presenti 6 stami arcuati e ascendenti, 6 antere di colore arancio brunastro e uno stilo.

Dove l’abbiamo osservata: La prima fotografia è stata realizzata lungo il Sentiero degli Alpini nella zona dei Prati del Toraggio (circa m 1700 - Alpi Marittime); tutte le altre fotografie provengono dall'Alta Val Concei lungo il sentiero che dalla Sella del Lomar sale alla Bocca dell’Ussol (circa m 1700 - Alpi di Ledro).

Clicca qui per vedere altri Fiori bianchi e verdi

Cookie