Sassifraga d'Italia

Nome scientifico: Saxifraga italica D.A.Webb (Sinonimo: Saxifraga tridens (Jan ex Engl) Engler et Irmscher non Haw.)

Famiglia: Saxifragaceae

Habitat naturale: Pendii rupestri, rupi su substrato calcareo in zone a prolungato innevamento da 1900 a 2600 metri. Rarissimo endemismo dell’Appennino Centrale segnalato nella Catena del Gran Sasso d’Italia (Corno Grande, Campo Pericoli, Corno Piccolo, Vallone tra i due Corni, Monte Cefalone, Monte Camicia, Campo Imperatore, presso Il Rifugio Duca degli Abruzzi, al Passo del Cannone, tra la Madonnina e il Rifugio Franchetti), sui Monti della Laga, sulla Majella, sul Velino e nei Monti Sibillini. Le regioni interessate dalla sua presenza sono quindi l’Abruzzo e le Marche.

Periodo di fioritura: Da giugno ad agosto

Descrizione della pianta: Pianta erbacea perenne peloso-ghiandolosa alta appena 2 – 5 cm con fusto legnoso che porta densi cuscinetti fogliari. Le foglie, lunghe 6 – 15 mm e larghe 3 – 5 mm, presentano lamina spatolato-triforcata a base ristretta. Ciascun ramo fiorifero porta uno o al massimo 2 fiori con 5 petali di colore bianco e di forma obovato oblunga ad apice ottuso.

Dove l’abbiamo osservata: Le fotografie che seguono sono state realizzate nei ghiaioni sommitali del Monte Camicia (m 2500 – Gran Sasso d’Italia – Appennino Abruzzese).

Clicca qui per vedere altri Fiori bianchi e verdi

Cookie