Sassifraga rossa

Nome scientifico: Saxifraga oppositifolia L.

Famiglia:  Saxifragaceae

Altro nome comune: Sassifraga a foglie opposte

Habitat naturale:  Sulle Alpi colonizza morene, ghiaie, pietraie, rupi, macereti, detriti di falda ad una quota compresa tra i 1800 e i 2800 metri di quota. Sulle Alpi Apuane e nell’Appennino Settentrionale scende fino a 1400 metri di quota. Nell’Appennino Centrale è presente anche se in forma molto più rara. 

Periodo di fioritura: Da maggio ad agosto (sulle Alpi Apuane talvolta da marzo)

Descrizione della pianta: Pianta perenne a portamento strisciante che forma cuscinetti, particolarmente tra le fessure rocciose, alti fra 1 e 5 cm, in grado di resistere al forte freddo derivante dalla quote elevate. Si tratta infatti di una specie artico-alpina comunque presente su parte delle montagne italiane. Il fusto della pianta è legnoso e strisciante mentre le foglie, coriacee ed oblunghe, tendono a persistere dal precedente anno (le vecchie assumono colorazione bruna). I fiori presentano un bel colore rosso, rosso-rosa, violetto o lilla.

Note: E’ pianta polimorfa, ovvero molto variabile; sono infatti state riconosciute molte sottospecie; ad esempio la Saxifraga latina, endemica dell'Appennino Tosco- Emiliano (crinale bolognese, modenese e reggiano) e delle Alpi Apuane.

Dove l’abbiamo osservata: Le prime quattro fotografie sono state scattate nel massiccio del Gran Sasso d'Italia, si tratta quindi della sottospecie "speciosa", endemica dell'Appennino Centro Meridionale; nello specifico le fotografie sono state realizzate lungo la via normale al Monte Camicia (m 2400 - Appennino Abruzzese). Tutte le altre fotografie provengono dalle Alpi Apuane e ritraggono pertanto la sottospecie "latina"; nello specifico la quarta, quinta e sesta foto sono state realizzate lungo il sentiero che dal Passo degli Uncini sale al Monte Altissimo (m 1500); la settima fotografia è stata realizzata presso il Malpasso, alle pendici del Monte Fiocca (circa m 1400); l'ultima fotografia proviene dal Passo delle Pecore (circa m 1600). 

Clicca qui per vedere altri Fiori rossi

Cookie