Androsace alpina

Nome scientifico: Androsace alpina (L.) Lam. (Sinonimi: Aretia alpina L. subsp. Alpina - Aretia alpina L. - Androsace tiroliensis F.Wettst. – Androsace glacialis Hoppe)

Famiglia: Primulaceae

Altri nomi comuni: Androsace dei ghiacci – Androsace dei ghiacciai

Habitat naturale: Detriti minuti umidi, macereti, morene, sfasciumi, fessure delle rocce da 2000 sino all’incredibile quota di 4200 metri (in Val d’Aosta). In Italia interessa l’arco alpino risultando quindi presente in Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Si tratta di un endemismo delle Alpi.

Periodo di fioritura: Da luglio a settembre

Descrizione della pianta: Pianta perenne formante bassi tappeti alti appena 1 – 5 cm con foglie lanceolate lunghe 5 mm raccolte in rosette e caratterizzate da peli stellati. I fiori sono solitari di colore rosato o tendenti al bianco con anello giallo alla fauce.  

Note: E’ pianta protetta che si è adattata alle estreme condizioni presenti in alta montagna. La sua bassa conformazione la protegge dei forti venti, mentre la disposizione a tappeto la pone in condizione di assorbire calore dal terreno. I peli stellati presenti sulle foglie le permettono di catturare l’aria isolandola dai forti sbalzi di temperatura presenti in quota.

Dove l’abbiamo osservata: Le prime due fotografie sono state realizzate lungo la via normale al VIoz, sulle pendici orientali del Dente del Vioz (m 2800 - Gruppo Ortles - Cevedale). La terza fotografia proviene dalle pendici nordoccidentali del Piz Lad (circa m 2700 - Gruppo Sesvenna). La quarta fotografia è stata scattata lungo la via normale di salita al monte Frerone (circa m 2500 - Gruppo dell’Adamello). Tutte le altre fotografie sono state realizzate a poca distanza dalla cima del Tiergarten (circa m 2900 - Alpi Venoste).

Clicca qui per vedere altri Fiori rossi

Cookie