Elmo (Helm) - Arnese (Hornischeck)

HELM (MONTE ELMO – m 2433)

HORNISCHECK (MONTE ARNESE – m 2559)

Dalla sella di Dobbiaco (Toblacher Sattel) una lunga cresta per lo più erbosa si innalza a dividere la Val Pusteria dalla Valle di Sesto. Il crinale, percorso per gran parte dal confine di stato tra Italia e Austria, si presta agli amanti del trekking con grandi visioni sulle Dolomiti di Sesto nel versante italiano. Descriviamo di seguito la salita alle due cime senz’altro più conosciute di questo settore.

Dati tecnici:

Dalla stazione a monte della funivia di Monte Elmo (m 2060): Difficoltà: E (Vai alla scala delle difficoltà). Segnaletica: totale. Dislivello assoluto: m 499. Acqua sul percorso: assente ma con due comodi punti d’appoggio: il Rifugio Gallo Cedrone e il Sillianer Hütte.

Accesso:

Si risale la Val Pusteria fino al paese di S.Candido; abbandoniamo il proseguo della statale volgendo a destra con indicazioni per il Passo Monte Croce di Comelico. In breve raggiungiamo il paese di Sesto (Sexten) dove troviamo la funivia Monte Elmo che conduce senza difficoltà sino a 2060 metri di quota. E' presente un ampio parcheggio alla base dell'impianto.

Descrizione del percorso:

La funivia che sale da Sesto permette di affrontare questa bella escursione lungo il crinale affrontando un dislivello nel complesso limitato. Naturalmente è sempre possibile salire senza funicolare con sentiero nel bosco. Dalla stazione di arrivo della funivia (m 2060) si segue l’ampia carrareccia che sale sulla destra con pendenza moderata. La strada forestale raggiunge un bel pulpito con splendida vista sulle vicinissime Dolomiti di Sesto (panchina di legno) per volgere poi verso sinistra passando presso il Rifugio Gallo Cedrone (Harnspiell Hütte - m 2200). Comodamente procediamo sino a raggiungere l’evidente spalla che discende dalla cima di Monte Elmo. Abbandoniamo la carrareccia per seguire a sinistra il sentiero che ripidamente ma in breve ci conduce al rifugio in stato d’abbandono posto sulla sommità del M.Elmo (m 2433). La cima, posta sul confine di stato, ci concede una bella visione dall’alto della Pusteria austriaca con i suoi piccoli paesi. Osserviamo anche, verso oriente, il proseguo della nostra escursione con già visibile il Sillianer Hütte e il monte Arnese alle sue spalle, mentre ad occidente il panorama abbraccia la testata della Pusteria italiana e il sottostante rifugio Gallo Cedrone. Il nostro cammino ha quindi séguito lungo il facile tracciato che con scarsi dislivelli segue grosso modo il crinale a cavallo tra Italia e Austria. Ci ricongiungiamo alla carrareccia che sale dal Rifugio Gallo Cedrone sino a guadagnare l’ampia sella Leckfeldsattel (m 2381). Da notare sotto di noi, sul versante austriaco, il piccolo lago Füllhornsee. In ultimo, un breve tratto in ripida salita, ci permette di raggiungere il Sillianer Hütte (m 2447), splendido rifugio di montagna. L’ultima frazione di sentiero prevista in quest’escursione prevede ora la salita alla cima dell’Hornischeck. Procediamo oltre il rifugio su facile tratturo con fondo terroso: risaliamo un insignificante dosso per poi calare in breve alla forcella Obermahdsattel (m 2467). La segnaletica posta dagli austriaci indica ora, sulla destra, il sottile sentiero che sale direttamente alla sommità. Su facile tracciato che sale lungo il ciglio esposto sul versante italiano saliamo sino al pianoro erboso di vetta, con bella visione  dell'intero percorso eseguito (Monte Arnese - m 2559 – ore 0,30 dal Sillianer Hütte). Nelle giornate limpide la vista si estende a meridione sino alle Tre Cime di Lavaredo. Il rientro avviene a ritroso.

                        VISUALIZZA QUI SOTTO LA PHOTOGALLERY DEL TREKKING

 

 

                                                     

Cookie