Licnide alpina

Nome scientifico: Silene suecica (Lodd.) Greuter & Burdet (Sinonimi: Lychnis suecica Lodd. et al.- Lychnis alpina L. - Silene liponeura Neumayr - Viscaria alpina Don)

Famiglia: Caryophyllaceae

Altri nomi comuni: Crotonella alpina - Crotanella alpina - Viscaria alpina - Agrostemma alpina – Vicaria alpina - Silene di Svezia

Habitat naturale: Prati e luoghi sassosi in alta quota, di solito tra 1800 e 2900 metri di quota. E’ una pianta comune nei paesi scandinavi e in Islanda mentre in Italia è un relitto glaciale e può essere osservata solo in Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta. E’ presente inoltre come pianta rarissima, quasi estinta, in Emilia Romagna e Toscana in due areali estremamente piccoli. Uno interessa la zona di Monte Prado – Monte Vecchio nell’ambito del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano; è stata inoltre osservata di recente nella zona di Monte Ràgola (Provincia di Piacenza). Ovvia la raccomandazione di NON raccogliere nel modo assoluto la pianta o i suoi fiori nella speranza possa accrescere la sua presenza nelle nostre montagne.

Periodo di fioritura: Giugno - agosto

Descrizione della pianta: Pianta perenne artico alpina alta 5 - 15 cm circa con fusto semplice e ramificato alla base. Le foglie basali sono riunite in rosette e presentano forma lanceolata con apice acuto e margine ciliato; le foglie cauline presentano la stessa forma, sono sessili ma risultano più larghe delle basali. L'infiorescenza è data da un capolino sferico formato da 10 -20 fiori; la corolla presenta 5 petali tra il rossastro e il violaceo, molto raramente bianchi, profondamente bifidi e più lunghi del calice. Il calice è violaceo, campanulato. Il peduncolo è glabro o lievemente pubescente.

Note: Silene suecica (Lodd) è simile a Silene viscaria (L.) Borkh che si distingue per gli steli più lunghi e vischiosi nella parte superiore e per le infiorescenze allungate e non contratte. Questa specie è presente in Italia in Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria e Basilicata.

Dove l’abbiamo osservata: Tutte le fotografie qui sotto sono state scattate nell’ambito del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano (provincia di Reggio Emilia); le prime 5 fotografie sono state scattate presso la Bocca di Massa (m 1820 circa), l’ultima fotografia è stata scattata presso il sentiero che dal Lago della Bargetana conduce alla Sella di Monte Prado ad una quota prossima ai 1900 metri.

  Clicca qui per vedere altri Fiori rossi

 Cookie