Sassifraga muschiata

Nome scientifico: Saxifraga moschata Wulfen

Famiglia: Saxifragaceae

Habitat naturale: Fenditure delle rupi, pietraie, macereti, ghiaie consolidate da 1500 a 2800 metri di quota. E’ presente in Italia sulle Alpi e, con maggiore rarità, sulla fascia appenninica interessando l’Emilia Romagna, la Toscana, l’Umbria e la Basilicata.

Periodo di fioritura: Da giugno ad agosto

Descrizione della pianta: Pianta alta tra 2 e 10 cm che forma cuscinetti di foglie verdi e glauche generalmente divise in tre lobi. I fiori sono di colore giallastro o talvolta verdastro (più raramente aranciati o purpurei) con petali ovali.

Note: Pianta protetta in senso assoluto.

Attenzione: Saxifraga moschata Wulfen è facilmente scambiata con Saxifraga exarata Vill. (Sassifraga solcata). In effetti le due specie non sono ben segregate e la distinzione fra i due gruppi è estremamente difficile al punto che alcuni studiosi di botanica parlano di un’entità bi-specifica Saxifraga moschata - Saxifraga exarata, caratterizzata da moltissimi ibridi intermedi con caratteri instabili. Non è un caso se alcuni libri indicano i due nomi scientifici come sinonimi della stessa pianta. Un elemento che spesso permette la distinzione fra le due specie è il fatto che Saxifraga Moschata Wulfen presenta petali stretti e di colore giallastro o verdastro (come visibile nella fotografia qui sotto) mentre Saxifraga exarata Vill. presenta petali larghi e di colore bianco.

Dove l’abbiamo osservata: Le prime cinque fotografie provengono dal Parco Regionale del Corno alle Scale; nello specifico sono state scattate lungo la cresta dei Balzi dell'Ora (circa m 1800 - Appennino Bolognese). Le ultime due fotografie sono state scattate nell’ambito del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, nel tratto di sentiero compreso tra il lago della Bargetana e la Sella di Monte Prado (circa 1900 metri).

Clicca qui per vedere altri Fiori gialli

Cookie