Monti di Fundres

Cima Cadini (Napfspitz - m 2888) - Cima della Pipa (Pfeifholderspitze - m 2862)

Cima d'Era (Ehrenpolspitze - m 2774)

Cima delle Pecore (Schaflahnernock - m 2703)

Cima di Valmala (Wurmaulspitze - m 3022)

Col del Lago (Seebergl - m 2705)

Seespitze – cima nord (m 2660)

Spico (Speikboden - m 2517) - Seewassernock (m 2433) - Dosso Grande (Große Nock - m 2400)

Picco della Croce (Wilde Kreuzspitze - m 3135)

Pockshorn (m 3021)

Posti a sud del crinale principale delle Alpi si estendono approssimativamente nel quadrilatero compreso tra i paesi di Brunico, Campo Tures, Vipiteno e Bressanone. Vengono spesso considerati un sottogruppo delle Alpi Aurine.
Caratterizzati da cime verdeggianti, di minore altezza rispetto a quelle del crinale principale, i monti di Fundres sono generalmente trascurati e poco noti.
Quasi tutte le cime del gruppo sono in realtà alla portata dell’escursionista. Le cime più alte toccano e superano i 3000 metri; la più elevata, il Picco della Croce (m 3135), può essere considerato uno dei 3000 più facili dell’Alto Adige: trovate nel sito la descrizione a questa salita. La presenza di neve e ghiaccio nel gruppo è da considerarsi episodica, mancano quindi le condizioni d’alta montagna proprie del vicino crinale delle Alpi Aurine.
Quello che queste montagne non possono dare in termini di roccia e ghiaccio è però ampiamente compensato dalla pace e dalla tranquillità di cui si può godere sulle sue cime senz’altro molto appartate ma a misura d’uomo. I  monti di Fundres nascondono inoltre un prezioso gioiello: il bellissimo Lago Selvaggio raggiungibile dal trekker transitando tra splendidi pascoli.
Come per le Alpi Aurine e per le Vedrette di Ries occorre sottolineare che la rete sentieristica e i rifugi scarseggiano ma questo non limita in alcun modo la possibilità di raggiungerne le cime più alte. Un occhio di riguardo dev’essere come sempre prestato alle condizioni meteorologiche spesso assai instabili nei mesi estivi presso il confine con l’Austria. Sono comunque cime che espongono ad un rischio inferiore rispetto alle elevate vette poste lungo la displuviale. Alcune valli abitate permettono di insinuarsi all’interno del gruppo senza difficoltà: ci riferiamo alla Val di Valles, alla Val di Fundres e alla Valle di Selva dei Molini.


 

Cookie